Il rischio di ictus in questi pazienti era del 13%

Per informazioni complete e di facile comprensione, Hanon ha suggerito di andare in linea alla pagina delle informazioni per il paziente sul sito Web della Heart Rhythm Society. Questa è la più grande società professionale per specialisti del ritmo cardiaco e una buona fonte di informazioni sui pazienti.

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla salute del cuore!

Le ultime novità in fatto di salute del cuore

Le nuove linee guida per la salute del cuore si concentrano sul grasso della pancia, non solo sul peso corporeo

Una circonferenza della vita più spessa può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari anche nelle persone che non sono in sovrappeso o obesità, secondo le nuove linee guida. . .

Di Lisa Rapaport, 27 aprile 2021

6 cose che le persone con problemi cardiaci devono sapere sui vaccini COVID-19

Trova le risposte alle tue domande su come ottenere il vaccino e quali effetti collaterali potresti riscontrare.

Di Kaitlin Sullivan, 5 aprile 2021

L’American Heart Association rende ufficiale la connessione cuore-mente

 La ricerca che collega la salute mentale e cardiovascolare ha raggiunto la massa critica, afferma l’AHA. E puoi agire di conseguenza.

Di Allison Young, MD, 26 marzo 2021

L’esercizio fisico, non la terapia con testosterone, migliora la salute delle arterie negli uomini di mezza età e negli anziani

Anche se la terapia con testosterone può aumentare i livelli di questo ormone sessuale maschile, un nuovo studio clinico suggerisce che questo non aiuterà a creare il rivestimento interno. . .

Di Lisa Rapaport, 1 marzo 2021

I chirurghi di canto pubblicano nuova musica per il mese del cuore

Il secondo EP del duo mira a sensibilizzare e ispirare gli ascoltatori a dare la priorità alla loro salute del cuore.

Di Katie Williams, 26 febbraio 2021

Molti adulti anziani assumono l’aspirina per la salute del cuore anche se non è consigliata

È improbabile che le persone di età pari o superiore a 75 anni che non hanno mai avuto un evento cardiovascolare come un infarto o un ictus traggano beneficio da una pillola di aspirina quotidiana. Ma un nuovo. . .

Di Lisa Rapaport, 24 febbraio 2021

Le donne transgender hanno rischi cardiaci unici con l’avanzare dell’età

Il trattamento di affermazione del genere con gli ormoni pone nel tempo rischi cardiovascolari per le donne transgender che sono distinti dai rischi affrontati dalle donne con. . .

Di Lisa Rapaport, 22 febbraio 2021

Chiedi a un dottore di Castle Connolly: cosa devi sapere sulla salute del tuo cuore

Uno specialista in cardiologia avanzata per insufficienza cardiaca e trapianto, riconosciuto come Castle Connolly Top Doctor, risponde alle domande su come mantenere il cuore. . .

Entro il 22 febbraio 2021

I giovani adulti neri corrono un rischio di morte molto più elevato dopo il trapianto di cuore

Un nuovo studio afferma che i giovani adulti neri hanno il doppio delle probabilità di morire entro un anno dalla procedura.

Di Jordan M. Davidson, 5 febbraio 2021

Diabete gestazionale legato a danni alle arterie anni dopo la gravidanza

Le donne che hanno il diabete gestazionale durante la gravidanza sono a maggior rischio di ciò che è noto come calcificazione delle arterie coronariche, la placca che si accumula. . .

Di Lisa Rapaport, 2 febbraio 2021 “

Vivere con la fibrillazione atriale, una forma comune di battito cardiaco irregolare, può innervosire una persona. Ma uno stretto rapporto con il tuo medico, incluso sapere quando chiamarlo e persino sapere quando potresti dover andare in ospedale, può essere rassicurante.

Molti pazienti con fibrillazione atriale non hanno alcun sintomo, sono scioccati nello scoprire che hanno un’aritmia “, dice A. Marc Gillinov, MD, un chirurgo cardiovascolare presso la Cleveland Clinic.” Se ti è stata diagnosticata una fibrillazione atriale, dovresti chiamare il tuo medico specializzato in fibrillazione atriale ogni volta che hai sintomi. Nella maggior parte dei casi, questi sintomi possono essere prevenuti con il trattamento. “

I sintomi, quando esistono, sono piuttosto variabili. “I pazienti devono sapere a quali sintomi della fibrillazione atriale prestare attenzione, ma devono anche prestare attenzione ai sintomi dell’ictus, che è la complicanza più pericolosa della fibrillazione atriale”, afferma Sandeep K. Jain, MD, cardiologo ed elettrofisiologia cardiaca specialista (medico specializzato in fibrillazione atriale) presso l’Università di Pittsburgh Medical Center.

Un recente studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha scoperto che la fibrillazione atriale ti mette a rischio di ictus anche se non hai necessariamente sintomi di afib. Lo studio ha seguito 2.580 pazienti di età pari o superiore a 65 anni che avevano un pacemaker ma a cui non era stata diagnosticata la fibrillazione atriale. Quando i ricercatori hanno controllato le letture del pacemaker per la fibrillazione atriale per tre mesi, hanno scoperto che il 10% aveva periodi di fibrillazione atriale senza sintomi. Il rischio di ictus in questi pazienti era del 13%.

Quando vedere un medico per i sintomi della fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale si verifica quando le camere superiori del cuore iniziano a battere in modo disorganizzato a causa di impulsi elettrici anormali. Questo fa tremare o battere la parte superiore del tuo cuore. Potresti sentire il tuo cuore battere troppo velocemente, battere troppo forte o saltare i battiti. Un’altra parola per questi sintomi è “palpitazioni” prostatricum ingredienti. Altri sintomi di fibrillazione atriale possono includere:

Mancanza di respiro Debolezza o affaticamento Affaticamento o difficoltà a respirare durante l’esercizio, Capogiri o svenimento Confusione mentale Dolore toracico

Il tuo medico vorrà conoscere uno qualsiasi di questi sintomi “, afferma il dottor Jain. “Fai sapere al tuo medico se hai palpitazioni e fallo sapere al tuo medico se durano più a lungo e diventano più frequenti. “

Un altro insieme di sintomi che meritano una chiamata al medico specializzato in fibrillazione atriale sono i sintomi di insufficienza cardiaca congestizia (CHF), un’altra complicanza comune della fibrillazione atriale. La fibrillazione atriale può indebolire il tuo cuore nel tempo e causare insufficienza cardiaca, il che significa che il tuo cuore non pompa abbastanza sangue in tutto il corpo.

Sintomi come affaticamento e mancanza di respiro sono comuni sia nella fibrillazione atriale che nell’insufficienza cardiaca congestizia. Ma poiché il sangue non si muove attraverso il tuo corpo abbastanza velocemente, CHF può causare la fuoriuscita di fluido dal sangue e nei tessuti. Chiama il tuo medico specializzato in fibrillazione atriale se hai gonfiore a piedi, gambe, caviglie o aumento di peso improvviso.

Quando andare direttamente al pronto soccorso

A volte è necessario chiamare il 911 invece del medico. “Se hai sintomi di svenimento, dolore al petto o qualsiasi sintomo di un ictus, non chiamare il medico. Chiama il 911”, dice il dottor Gillinov.

L’ictus nella fibrillazione atriale si verifica quando un coagulo si forma all’interno delle camere superiori del cuore, si libera e viaggia verso il cervello. Quando il coagulo blocca il flusso sanguigno a una parte del cervello, ogni secondo conta. L’ictus può essere curato, ma una volta che le cellule cerebrali muoiono, il danno cerebrale può essere permanente.

Uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Society ha esaminato 1.605 casi di persone con ictus diagnosticato in un pronto soccorso e ha scoperto che solo il 51% è arrivato in ambulanza. Si tratta di circa la stessa percentuale di 11 anni fa. I ricercatori hanno concluso che si perde troppo tempo durante l’ictus. Il pubblico deve essere meglio informato sui sintomi dell’ictus e sulla necessità di chiamare i servizi di emergenza sanitaria. Un’ambulanza è sempre il modo migliore per raggiungere l’ospedale in caso di emergenza.

I sintomi dell’ictus sono improvvisi e includono:

Debolezza o intorpidimento su un lato del corpo Confusione o difficoltà a formare parole Perdita della vista Perdita di equilibrio e coordinazione Grave mal di testa

Anche se non ti è stata diagnosticata la fibrillazione atriale, ricorda che puoi avere afib senza avere alcun sintomo e quindi puoi essere a rischio di ictus. La fibrillazione atriale aumenta con l’età ed è più probabile se si ha la pressione alta o un altro tipo di condizione cardiaca. Se non sei stato controllato per la fibrillazione atriale, parlane con il tuo medico.

Se soffri di fibrillazione atriale, chiama il medico ogni volta che hai sintomi. Ma se sei svenuto, hai dolore al petto o qualsiasi sintomo di un ictus, chiama il 118.

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla salute del cuore!

Le ultime novità in fatto di salute del cuore

Le nuove linee guida per la salute del cuore si concentrano sul grasso della pancia, non solo sul peso corporeo

Una circonferenza della vita più spessa può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari anche nelle persone che non sono in sovrappeso o obesità, secondo le nuove linee guida. . .

Di Lisa Rapaport, 27 aprile 2021

6 cose che le persone con problemi cardiaci devono sapere sui vaccini COVID-19

Trova le risposte alle tue domande su come ottenere il vaccino e quali effetti collaterali potresti riscontrare.

Di Kaitlin Sullivan, 5 aprile 2021

L’American Heart Association rende ufficiale la connessione cuore-mente

 La ricerca che collega la salute mentale e cardiovascolare ha raggiunto la massa critica, afferma l’AHA. E puoi agire di conseguenza.

Di Allison Young, MD, 26 marzo 2021

L’esercizio fisico, non la terapia con testosterone, migliora la salute delle arterie negli uomini di mezza età e negli anziani

Anche se la terapia con testosterone può aumentare i livelli di questo ormone sessuale maschile, un nuovo studio clinico suggerisce che questo non aiuterà a creare il rivestimento interno. . .

Di Lisa Rapaport, 1 marzo 2021

I chirurghi di canto pubblicano nuova musica per il mese del cuore

Il secondo EP del duo mira a sensibilizzare e ispirare gli ascoltatori a dare la priorità alla loro salute del cuore.

Di Katie Williams, 26 febbraio 2021

Molti adulti anziani assumono l’aspirina per la salute del cuore anche se non è consigliata

È improbabile che le persone di età pari o superiore a 75 anni che non hanno mai avuto un evento cardiovascolare come un infarto o un ictus traggano beneficio da una pillola di aspirina quotidiana. Ma un nuovo. . .

Di Lisa Rapaport, 24 febbraio 2021

Le donne transgender hanno rischi cardiaci unici con l’avanzare dell’età

Il trattamento di affermazione del genere con gli ormoni pone nel tempo rischi cardiovascolari per le donne transgender che sono distinti dai rischi affrontati dalle donne con. . .

Di Lisa Rapaport, 22 febbraio 2021

Chiedi a un dottore di Castle Connolly: cosa devi sapere sulla salute del tuo cuore

Uno specialista in cardiologia avanzata per insufficienza cardiaca e trapianto, riconosciuto come Castle Connolly Top Doctor, risponde alle domande su come mantenere il cuore. . .

Entro il 22 febbraio 2021

I giovani adulti neri corrono un rischio di morte molto più elevato dopo il trapianto di cuore

Un nuovo studio afferma che i giovani adulti neri hanno il doppio delle probabilità di morire entro un anno dalla procedura.

Di Jordan M. Davidson, 5 febbraio 2021

Diabete gestazionale legato a danni alle arterie anni dopo la gravidanza

Le donne che hanno il diabete gestazionale durante la gravidanza sono a maggior rischio di ciò che è noto come calcificazione delle arterie coronariche, la placca che si accumula. . .

Di Lisa Rapaport, 2 febbraio 2021 “

Il tè, in particolare il tè verde, aiuta a sensibilizzare le cellule in modo che siano in grado di metabolizzare meglio lo zucchero. Alberto Bogo / Thinkstock

La fontana della giovinezza rimane ancora inafferrabile, ma c’è qualcosa che sembra vicino: il tè verde. Le persone bevono il tè da secoli e oggi è la seconda bevanda più popolare al mondo (dopo l’acqua). Parte di quella popolarità può derivare dai molti benefici ampiamente riconosciuti del tè, incluso il suo potere riferito di prevenire il cancro e di migliorare la salute mentale. Ma il tè può offrire anche benefici per la salute legati al diabete.

“Sappiamo che le persone con diabete hanno problemi a metabolizzare lo zucchero”, dice Suzanne Steinbaum, DO, cardiologa, direttrice della salute del cuore delle donne al Lenox Hill Hospital di New York City. “L’insulina viene a diminuire lo zucchero, ma con il diabete di tipo 2, il corpo non è così sensibile all’insulina, quindi i livelli di zucchero nel sangue aumentano. Attraverso una complessa reazione biochimica, il tè, in particolare il tè verde, aiuta a sensibilizzare le cellule in modo che siano in grado di metabolizzare meglio lo zucchero. Il tè verde fa bene alle persone con diabete perché aiuta il sistema metabolico a funzionare meglio. “

Una ricerca del 2013 pubblicata sul Diabetes and Metabolism Journal ha delineato i potenziali benefici del tè quando si tratta di diabete e obesità, che è un fattore di rischio per il diabete. Ha evidenziato uno studio giapponese che ha scoperto che le persone che bevevano 6 o più tazze di tè verde al giorno avevano il 33% in meno di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto alle persone che bevevano meno di una tazza di tè verde a settimana. Ha anche riportato una ricerca taiwanese che ha scoperto che le persone che hanno bevuto tè verde regolarmente per più di un decennio avevano una vita più piccola e una composizione di grasso corporeo inferiore rispetto a coloro che non erano consumatori abituali di tè verde.

 

Bere il tè per il diabete è una buona idea perché il tè contiene sostanze chiamate polifenoli, che sono antiossidanti presenti in ogni pianta. “I polifenoli aiutano a ridurre lo stress ossidativo e provocano la vasodilatazione (allargamento delle arterie), che riduce la pressione sanguigna, previene la coagulazione e riduce il colesterolo”, afferma il dottor Steinbaum. Tutte queste attività riducono il rischio di malattie cardiache, che è elevato nelle persone con diabete. I polifenoli nel tè verde possono anche aiutare a regolare il glucosio nel corpo, aiutando a prevenire o controllare il diabete.

Bere tè per il diabete: tè verde o tè nero?

Quando si tratta di bere il tè per il diabete, Steinbaum afferma che i benefici sono legati a tutti i tè, ma quel tè verde è il chiaro vincitore. “Per prima cosa, quando bevi il tè verde per il diabete, otterrai un livello di polifenoli più alto di quello che otterresti con il nero”, spiega. Sono i polifenoli di frutta e verdura che danno loro i loro colori brillanti. Quindi, avere più colore significa che il tè verde è più ricco di polifenoli. “Dei tè neri, più arancione è il colore, più alti sono i polifenoli”, aggiunge.

Oltre al suo colore, il tè verde contiene anche livelli di polifenoli più elevati perché è preparato da foglie non fermentate, “quindi è davvero puro”, dice Steinbaum. Il tè nero, d’altra parte, è fatto da foglie che sono completamente fermentate, il che lo priva alcuni nutrienti. “Inoltre, alcune varietà di tè nero possono contenere da due a tre volte più caffeina del verde, il che non è buono in eccesso”, dice.

Polifenoli: oltre a bere il tè per il diabete

I benefici del tè sono evidenti. Ma oltre al tè, anche una serie di cibi ricchi di polifenoli può aiutare a prevenire e gestire il diabete di tipo 2. “I frutti più ricchi di polifenoli sono bacche, uva, mele e melograni, a causa del loro colore intenso”, afferma Steinbaum. Anche broccoli, cipolle, aglio, pomodori, melanzane e spinaci sono buone fonti, così come mirtilli rossi, arance rosse, more, mirtilli, lamponi, fragole, rabarbaro, limoni, lime e kiwi. “Sappiamo che il vino rosso contiene resveratrolo, che è un polifenolo – la concentrazione più alta si trova a Bordeaux”, afferma Steinbaum.

CORRELATO: Bevande migliori e peggiori per il diabete di tipo 2

Il cacao è anche una buona fonte, un motivo per mangiare un pezzo di cioccolato fondente di tanto in tanto. “E per coloro che seguono una dieta vegetariana, ci sono anche una serie di cibi ricchi di polifenoli che forniscono anche proteine, come fagioli rossi, fagioli neri, fagioli borlotti, pistacchi, noci, ceci e tutti i burri di noci”, dice .

Nel complesso, oltre a bere il tè per il diabete, seguire una dieta che fa bene alla glicemia non è complicato. “Il diabete di tipo 2 tende ad essere guidato dalle scelte di stile di vita dietetico”, dice Steinbaum. “Quando parliamo di prevenzione, avere una dieta ricca di polifenoli aiuterà il corpo a metabolizzare meglio lo zucchero. “Giù le mani, mangiare cibi ricchi di polifenoli – come aglio e frutta e verdura dai colori vivaci – e bere tè per il diabete, in particolare tè verde, sono ottime idee per chiunque cerchi di gestire o prevenire il diabete.

“Quando dici ‘Qual è la dieta migliore per il diabete?’, Le persone sperano in questo fantastico piano”, dice Steinbaum. “Ma in realtà si tratta di mangiare frutta e verdura colorata, noci, bere tè verde, mangiare pesce con acidi grassi omega-3 e un po ‘di cacao e vino rosso – e il gioco è fatto. “